Per il suo funzionamento ottimale questo sito utilizza i cookies. Procedendo nella navigazione se ne accetta implicitamente l'utilizzo (Maggiori informazioni). Accetto
12 febbraio 2014

Guardie ittiche ENDAS Agrigento

Pubblici elogi da parte del Prefetto di Agrigento per l'operato svolto e la professionalità dimostrata.

Il Prefetto di Agrigento ha elogiato pubblicamente qualche giorno fa l'operato delle guardie ittiche ENDAS coinvolte nella vicenda del rumeno scomparso.

I volontari delle guardie ittiche, dirette da Giovanna Zagarella, si sono resi protagonisti, nella provincia di Agrigento, del ritrovamento di un cadavere, un giovane rumeno scomparso il 22 gennaio scorso.

Su incarico del Prefetto della provincia, le guardie, unico corpo simile in zona, si sono impegnate per giorni nelle ricerche insieme alle forze dell'ordine e ai vigili del fuoco locali. Il 7 febbraio scorso, nel pomeriggio, sono stati i volontari ENDAS a rinvenire il corpo nell'area intorno alla diga di San Giovanni di Naro.

Una tragica vicenda, nella quale però gli uomini e le donne dell'ENDAS Agrigento, presieduto da Filippo Greco, hanno fornito un contributo decisivo per la risoluzione del caso.