Per il suo funzionamento ottimale questo sito utilizza i cookies. Procedendo nella navigazione se ne accetta implicitamente l'utilizzo (Maggiori informazioni). Accetto
Ti trovi in:
19 luglio 2010

ARRAMPICARE A SUD

La Puglia è nota a tutti per il mare cristallino, le spiagge dorate, l'olio di oliva, il pesce e le orecchiette con le cime di rape, in pochi avrebbero pensato che lo sviluppo di una attività storicamente appartenente al Nord qui a Sud viaggia a velocità supersonica...parlo dell'Arrampicata Sportiva e dell'Alpinismo.

Una città di mare come Taranto che offre un turismo ecosostenibile diverso dal solito...una realtà che prende piede e si rafforza giorno dopo giorno. Arrampicare a Sud, chi l'avrebbe mai detto ! In questo contesto nasce l'A.S.Dilettantistica "Gravità Zero ", associazione d'arrampicata sportiva, aperta a tutti gli appassionati dell'arrampicata e della montagna. Lo scopo del gruppo è quello di promuovere l'arrampicata sportiva e l'alpinismo ma soprattutto far conoscere le bellezze naturali del sud d'Italia. Prendendo in considerazione una eventuale vacanza in Puglia e più precisamente a Taranto nella città dei Due Mari, l'arrampicata deve essere considerata un alternativa al mare, scegliendo la migliore esposizione al sole evitando le pareti esposte nelle ore più calde della giornata, scoprendo cosi la bellezza di arrampicare in territori che solo da pochissimo tempo hanno scoperto uno sviluppo verticale,  grazie a diversi appassionati della roccia che hanno attrezzato la più grande palestra naturale di arrampicata sportiva del meridione nella meravigliosa Gravina protetta  di Leucaspide in Statte. Le Falesie di Statte sono uno scenario ideale per chi pratica arrampicata , trekking e appassionati dell'ambiente, i climbers della zona hanno attrezzato più di 100 vie lungo il letto di questo fiume quiescente. La Falesia di Taranto è meta preferita da diversi atleti internazionali, notevole la presenza di climbers  provenienti dalla Svizzera, Francia, Germania e Austria, come è notevole il gran numero di appassionati locali che si dedicano a questo sport ed altre attività affini. In questo contesto l'A.S.Dilettantistica  "Gravità Zero" ha organizzato grazie al Presidente Francesco D'Ippolito ( climber e istruttore FASI ) e il Presidente dell'ENDAS TARANTO Giovanni Cristofaro (appassionato climber  e  frequentatore  di vie alpinistiche del Trentino e della Carnia ) l'escursione Raganello River, una miscellanea tra trekking e una sorta di rafting a corpo libero nella splendida cornice  del Parco Naturale del Pollino. La Riserva Naturale della Gola del Raganello  istituita nel 1987 su una stretta lingua di territorio di 1.600 ettari, interessa la zona più spettacolare del parco. Il Raganello offre la possibilità di compiere eccezionali escursioni in un ambiente selvaggio e spettacolare sul fondo delle sue grandi Gole. Dei 32Km di lunghezza, il Raganello ne percorre 13 incassato su profonde gole, sovrastato a nord dalla timpa di San Lorenzo e al sud dalla timpa del Demanio. In alcuni punti il Raganello scorre in gole con uno strapiombo di 700 m. Il percorso consente di ammirare figure di corrosione fluviale fantastiche, modellamenti e torniture di rocce di una bellezza sconvolgente. Le aree citate come molte altre esistenti al Sud si trovano all'interno di aree protette, parchi  o oasi naturali, ma a seconda della gestione più o meno all'avanguardia ci troviamo di fronte a fenomeni di integrazioni totale dell'arrampicata nell'ambiente come attività sportiva, educativa e turistica, ed amministrazioni che collaborano con i vari gruppi sportivi . Notoriamente la gente del Sud è sempre molto ospitale e non è insolito  essere intrattenuti a pochi metri dalla via in lunghi  discorsi a sorseggiare del buon vino locale, indispensabile integratore naturale prima di liberare una nuova via. Arrampicare a Sud...uno stile di vita!

Giovanni Cristofaro