Per il suo funzionamento ottimale questo sito utilizza i cookies. Procedendo nella navigazione se ne accetta implicitamente l'utilizzo (Maggiori informazioni). Accetto
9 agosto 2014

Distendas - Distensione su panca

Il 15 giugno, in provincia di Taranto, si è disputata la fase regionale del Distendas, gara di distensione su panca.

Ebbene si, il Distendas è in dirittura di arrivo per questa stagione 2013/14 in Puglia ma apre le porte d’Italia ad una attività che merita di divenire di caratura nazionale. Si è disputata il 15 giugno a Palagiano in provincia di Taranto la fase regionale del Distendas, gara di distensione su panca riscuotendo uno strepitoso successo che cresce di anno in anno in tutte le province della Puglia.

Il Distendas nasce a Bari come prima edizione 4 anni fa per volontà del suo presidente Piero Lapomarda. In pochi ci credevano. Solo poco più di trenta atleti iscritti su 5 asd partecipanti ma che diventano quasi settanta nella seconda edizione con 11 asd partecipanti tanto da incoraggiare il Presidente Provinciale Vincenzo Adduci a proporre una fase provinciale a Taranto che a sua volta convince il Presidente dell’Endas Puglia Giovanni Cristofaro. Il DISTENDAS viene inserito nello stesso anno nel programma della manifestazione Nazionale denominata Meeting del Mediterraneo, tenutasi al Palafiom di Taranto, riscuotendo un discreto interesse.

Già dalla terza edizione tenutasi a Bari lo scorso anno si intuisce che il Distendas è una gara dai presupposti giusti per spianare una strada tutta in salita. Diventano a questo punto tre le province, grazie al Presidente Provinciale di Foggia Patrizia Cristofaro, proponendone una fase ad Ascoli Satriano (FG).

Quest’anno la partecipazione di 15 asd con oltre novanta atleti partecipanti alla quarta edizione del Provinciale di Bari, 10 asd con quasi quaranta atleti iscritti alla seconda edizione del Provinciale di foggia e 18 asd con oltre cento atleti iscritti alla fase Regionale confermano che la tenacia, la competenza e la ottima capacita organizzativa alla fine premiano sempre.

E’ stata una gara regionale a pieno titolo, in quanto ha visto la partecipazione di asd provenienti da tutte le province della Puglia, nessuna mancante, a dimostrazione che in brevissimo tempo ha suscitato l’interesse di tutti gli addetti al settore. 23 le categorie previste maschili e femminili, hanno richiamato atleti ed atlete di tutte le età dando vita, non ad una gara, ma ad un vero e proprio spettacolo che ha incantato tutto il pubblico presente. Meno di 14 anni l’atleta più giovane e più di settanta l'atleta più anziano che ha sollevato 115 kg a dimostrazione che come ha detto lo stesso atleta subito dopo l’ultima alzata (sicuramente al di sotto delle sue possibilità) una sana alimentazione unita ad un buon allenamento aiutano ad avanzare con gli anni in salute.

La manifestazione ricca di emozioni ha visto il bilanciere posizionato sulla panca di gara con un carico di 25 kg staccarsi per la prima prova alle ore 10,00 e crescere senza sosta per centinaia di alzate concludendo l’evento alle ore 14,00 con l’ultima alzata caricato a 181 kg. . Prova valida eseguita da un atleta della provincia di Lecce di ben 57 anni di età Cosimo Orlando che si è aggiudicato il titolo di campione assoluto maschile. Tutto Salentino il podio assoluto maschile che a visto subito dopo per un soffio  salire sul 2° gradino del podio Giuseppe Bianco che ha sollevato 180 kg mentre sul terzo gradino ci è salito il fratello over 40 Emanuele Bianco che ha sollevato 175 kg.

Il titolo di campione assoluto femminile se lo è aggiudicato con determinazione la veterana tarantina Maria Teresa Marzio salendo sul gradino più alto del podio sollevando 67 kg, seguita da Cardini Rosanna che pur sollevando un peso superiore 68 kg si aggiudica il secondo posto per classifica “Sinclair” che tenendo conto della differenza di età e di peso corporeo assegna all’ atleta un coefficiente fisso che verrà a sua volta moltiplicato per il massimo carico sollevato. Mentre il terzo posto se lo aggiudica la giovane under 18 Frascella Irene con 48 kg sollevati.

Da quest’anno la finale è caratterizzata dall’assegnazione della Coppa dei Campioni itinerante che per l’anno 2014 è stata assegnata alla Provincia di Taranto  grazie ai risultati ottenuti dalle Asd joniche partecipanti realizzando il miglior piazzamento.

E’ con queste premesse che si chiude questa eccellente stagione del Distendas, imponendosi con fermezza di affermarsi con lo stesso successo in altre regioni  per dar vita ad un Campionato Nazionale che dia voce ed espressione alle centinaia di atleti di sesso sia maschile che femminile che in tutta Italia si allenano con passione e determinazione. "Da anni", dichiara Piero Lapomarda, Maestro di Pesistica e Cultura Fisica con oltre trent’anni di esperienza, "inseguo il desiderio di rendere la pesistica un espressione spettacolare che attiri l’attenzione del grande pubblico e non solo degli addetti al lavoro. E questa fase Regionale è stata la conferma che questo è possibilissimo. Grazie alla nota capacità organizzativa di Giovanni Cristofaro Presidente dell’Endas Puglia e al grande e indispensabile lavoro di squadra che riesce a creare, si è organizzata una gara di tutto rispetto, dando la giusta dignità ad una disciplina che da troppi anni lotta contro tanti stupidi e infondati pregiudizi. E’ ormai noto e dichiarato da tutta la scienza mondiale dello sport, che un sano allenamento con l’utilizzo dei sovraccarichi unito ad una corretta alimentazione è un toccasana per mantenersi in salute e lontano da molte malattie e patologie dell’era moderna."

Nella stessa giornata, all’interno della stessa struttura, si sono svolte delle Masterclass di fitness tenute dai formatori dell’Endas Puglia. Questa espressione itinerante denominata Endas Fitness in Tour, è ormai una realtà più che consolidata in puglia e richiama ogni volta centinaia di istruttori e appassionati del fitness musicale dando vita a convention di notevole spessore tecnico. La scommessa futura è quella di unire queste due grandi concretezze e proporre tuonanti manifestazioni Nazionali affinchè si possa addurre all’Endas  la meritata identità di "leader indiscusso dello scenario del fitness Italiano."