Per il suo funzionamento ottimale questo sito utilizza i cookies. Procedendo nella navigazione se ne accetta implicitamente l'utilizzo (Maggiori informazioni). Accetto
16 maggio 2020

LINEE GUIDA PER L'ESERCIZIO FISICO E SPORT

1. PREMESSA
Le presenti Linee-Guida sono volte a fornire le indicazioni generali e le azioni di mitigazione necessarie ad accompagnare la ripresa dello sport, attualmente limitata alla fase degli allenamenti, a seguito del lockdown per l’emergenza Covid-19, alle quali devono attenersi tutti i soggetti che gestiscono, a qualsiasi titolo, siti sportivi, o comunque ne hanno la responsabilità. Il presente documento ha l’obiettivo di costituire un indirizzo generale e unitario e ha carattere temporaneo e strettamente legato all’emergenza. Esso è declinato per le singole discipline sportive dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, olimpiche e paralimpiche, dalle Discipline sportive associate e dagli Enti di promozione sportiva tramite appositi protocolli applicativi. In questo quadro normativo, le Linee-Guida sono state elaborate dall’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il supporto della società Sport e Salute S.p.A. e viene emanato d’intesa con il CONI e il CIP, sentite le Federazioni sportive nazionali, le Discipline sportive associate e gli Enti di promozione sportiva di riferimento. Questo documento si basa anche sul contributo tecnico e scientifico del Rapporto denominato “Lo sport riparte in sicurezza” trasmesso dal CONI e dal CIP all’Ufficio per lo Sport in data 26 aprile 2020, redatto con la collaborazione del Politecnico di Torino, sentiti la Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI), le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva. Le Linee-Guida sono state validate dal Comitato Tecnico-Scientifico istituito presso il Dipartimento della Protezione Civile.

2. DEFINIZIONI
Per operatore sportivo si intende sia chi pratica l’attività sia le persone autorizzate a stare nell’impianto sportivo (collaboratori a vario titolo, accompagnatori, ecc.).¹ Per sito sportivo si intende indifferentemente ogni luogo destinato allo svolgimento di attività fisica e sportiva, eventualmente fornito degli attrezzi necessari, di spogliatoi, di impianti igienici e docce ovvero ogni impianto che rappresenta un insieme di uno o più spazi di attività dello stesso tipo o di tipo diverso, che hanno in comune i relativi spazi e servizi accessori. Per organizzazione sportiva si intende ogni Federazione Sportiva Nazionale (FSN), Disciplina Sportiva Associata (DSA), Ente di Promozione Sportiva (EPS) e relativi nuclei associativi (associazioni e società costituite ai sensi dell’art. 90 della l. n. 289/2002 e s.m.i. ed iscritte nel Registro Nazionale istituito ai sensi dell'art. 5, comma 2, lettera c) del D.lgs. n. 242/1999 e s.m.i.; società di cui alla l. n. 91/1981; gruppi sportivi di cui all’art. 6 della l. n. 78/2000) ovvero, in assenza di affiliazione, l'organizzazione che pratica discipline sportive di competenza dei predetti organismi sportivi riconosciuti dal CONI e/o dal CIP ovvero enti/organizzazioni/associazioni che svolgano attività dirette al benessere dell’individuo attraverso l’esercizio fisico. La formazione a distanza (FAD) è l'insieme delle attività didattiche svolte all'interno di un progetto formativo che prevede la non compresenza di docenti e discenti nello stesso luogo. Il telelavoro è lo strumento operativo per lavorare indipendentemente dalla localizzazione geografica, facilitato dall'uso di strumenti informatici e telematici e caratterizzato da una flessibilità sia nell'organizzazione, sia nella modalità di svolgimento. I rischi secondari sono i nuovi rischi ovvero i più alti rischi preesistenti, derivanti dalla nuova organizzazione del lavoro/attività sportiva, dalla riduzione e dal distanziamento della presenza degli operatori sportivi, quali l’effettuazione di attività condotte singolarmente invece che in compresenza con conseguente ridotte possibilità di individuazione dell’evento infortunistico e di attuazione dell’azione di soccorso; il declassamento di aree a rischio specifico d’incendio da area presidiata ad area non presidiata, la ridotta azione di controllo di processo derivante dalla ridotta presenza di operatori; il pericolo di lavoro/attività sportiva in solitudine.

3. CARATTERISTICHE DELL’AGENTE VIRALE SARS-CoV-2
I coronavirus (CoV) sono un’ampia famiglia di virus respiratori che possono causare malattie da lievi a moderate. Altri coronavirus umani di originale animale (virus zoonotici) sono stati responsabili nell’ultimo ventennio di epidemie di sindromi respiratorie gravi: la SARS nel 2002/2003 (sindrome respiratoria acuta grave) e la MERS nel 2012 (sindrome respiratoria mediorientale). Sono definiti in tal modo per le punte a forma di corona che sono presenti sulla loro superficie. I coronavirus sono comuni in molte specie animali (domestiche e selvatiche) e possono attraverso passaggi in altre specie animali arrivare ad infettare l’uomo. Nel 2002 si è verificata l’epidemia SARS causata dal virus SARS-CoV-1 e nel 2012 l’epidemia MERS causata dal virus MERS-CoV, entrambi appartenenti alla famiglia Coronaviridae, genere beta. Nel dicembre 2019 viene identificato un nuovo coronavirus umano zoonotico responsabile di gravi patologie infiammatorie polmonari riconducibili a SARS. Nella prima metà del mese di febbraio 2020 l'International Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV) ha assegnato al nuovo coronavirus il nome definitivo: "Sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2" (SARS-CoV-2). L’11 febbraio 2020 l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che la malattia respiratoria causata dal nuovo coronavirus è stata chiamata COVID-19.

4. MODALITA’ DI TRASMISSIONE
Il nuovo coronavirus è un virus respiratorio caratterizzato da una elevata contagiosità che si diffonde principalmente attraverso il contatto con le goccioline del respiro (droplets) espulse dalle persone infette ad esempio tramite: la saliva, tossendo, starnutendo o anche solo parlando; contatti diretti personali; le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate bocca, naso o occhi. Il virus è caratterizzato da una elevata contagiosità. In rari casi il contagio può avvenire attraverso contaminazione fecale. I cd. “droplets”, goccioline pesanti, normalmente riescono a percorrere uno spazio non superiore al metro, prima di cadere a terra; questa è la ragione per cui un distanziamento di un metro è considerato sufficiente a prevenire la trasmissione. Occorre però considerare l’incidenza di fattori ambientali. Lo spostamento d’aria causato dall’atleta e/o il posizionamento in scia, possono facilitare la contaminazione da droplet su distanze maggiori rispetto alla misura canonica di distanziamento sociale. In queste circostanze, più elevato è il vento, maggiore sarà il distanziamento richiesto per garantire le condizioni di sicurezza. Prime evidenze sono state registrate in merito alla possibilità che esso si possa diffondere anche via aerosol; in ragione di quest’ultima circostanza nel rapporto “Imprese Aperte, Lavoratori Protetti” si è ritenuto riferirsi al distanziamento di circa 2 m. Normalmente le malattie respiratorie non si trasmettono con gli alimenti che comunque devono essere manipolati rispettando le buone pratiche igieniche. Secondo i dati attualmente disponibili, le persone sintomatiche sono la causa più frequente di diffusione del virus. L’OMS considera non frequente l’infezione da nuovo coronavirus prima che si sviluppino sintomi, seppure sono numerose le osservazioni di trasmissione del contagio avvenuti nei due giorni precedenti la comparsa di sintomi. Il periodo di incubazione varia tra 2 e 12 giorni; 14 giorni rappresentano il limite massimo di precauzione. La via di trasmissione più frequente è quella respiratoria, in seconda analisi quella da superfici contaminate con il tramite delle mani e un successivo contatto con le mucose orali, nasali e con le congiuntive.

5. SINTOMI
I sintomi più comuni di un’infezione da coronavirus nell’uomo includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l'infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave (ARDS), insufficienza renale, fino al decesso. I coronavirus umani comuni di solito causano malattie del tratto respiratorio superiore da lievi a moderate, come il comune raffreddore, che durano per un breve periodo di tempo. I sintomi possono includere: rinorrea (naso che cola); cefalea (mal di testa); tosse; faringite (gola infiammata); febbre; sensazione generale di malessere. Come altre malattie respiratorie, l’infezione da nuovo coronavirus può causare sintomi lievi come rinite (raffreddore), faringite (mal di gola), tosse e febbre, oppure sintomi più severi quali polmonite con difficoltà respiratorie anche molto gravi. Di comune riscontro è la presenza di anosmia (diminuzione/perdita dell’olfatto) e ageusia (diminuzione/perdita del gusto), che sembrano caratterizzare molti quadri clinici. In alcuni casi l’infezione può essere fatale. Le persone più suscettibili alle forme gravi sono gli anziani e quelle con malattie preesistenti. Le patologie preesistenti più frequenti nei soggetti deceduti sono malattie cardiovascolari, ipertensione arteriosa, diabete mellito di tipo 2 e malattie respiratorie croniche, quali la broncopneumopatia cronica ostruttiva. Dato che i sintomi provocati dal nuovo coronavirus sono aspecifici e simili a quelli del raffreddore comune e del virus dell’influenza, è possibile, in caso di sospetto, effettuare esami di laboratorio per confermare la diagnosi. L’unico esame in grado di determinare la presenza di un’infezione attiva, ove non si ricorra all’isolamento virale mediante coltura, è ad oggi il tampone rinofaringeo con ricerca mediante Real Time-PCR (RT-PCR) dell’acido nucleico virale. Per valutare l’idoneità alla ripresa dell’attività lavorativa dopo il contagio, questo esame resta fondamentale e non sostituibile. Si sottolinea che nella popolazione generale che deve riprendere l’attività lavorativa un risultato negativo non esclude un contagio recente già avvenuto né, ovviamente, la possibilità di futuri contagi. Sono proposti accertamenti mediante test sierologici rapidi che consentono, individuando la grande maggioranza di chi ha avuto contatto con l’infezione, di eseguire tamponi mirati volti a individuare le persone ancora eliminanti virus e di assumere i provvedimenti del caso.

6. CRITERI DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL’AMBIENTE SPORTIVO
I criteri utilizzati ai fini della valutazione del rischio di trasmissione del contagio epidemiologico nell’ambiente sportivo dovuto alla presenza del coronavirus sono principalmente determinati da: • individuazione dei fattori di pericolo associati alla pericolosità del virus;
• individuazione dei meccanismi di trasmissione del virus tenendo a riferimento la letteratura scientifica. In tal senso si identifica, quale dato di input della valutazione, che la trasmissione avviene sia per via aerea che per contatto;
• individuazione delle fonti di possibile contagio all’interno dei siti sportivi tenendo a riferimento l’organizzazione dei luoghi, delle attività lavorative, di pratica o di assistenza da parte di accompagnatori;
• individuazione qualitativa della probabilità di trasmissione a seguito dei contatti tra gli operatori sportivi. A seguito della valutazione del rischio, è proposto un insieme di strumenti di prevenzione e protezione finalizzati alla gestione del rischio stesso. Preliminare ed essenziale alla individuazione delle misure di prevenzione e protezione da adottare per il contenimento del rischio specifico è l’analisi accurata delle attività del personale che si svolgono in un sito sportivo, dell’organizzazione dell’attività sportiva, del lay-out di un sito sportivo. Si prevedono le seguenti fasi:
• analisi dell’organizzazione delle attività fisiche e sportive e di supporto;
• individuazione delle attività fisiche e sportive e di supporto che possono essere eseguite tramite FAD o con telelavoro, numero di operatori sportivi interessati, presenza di accompagnatori;
• individuazione dei percorsi degli operatori sportivi individuati, nonché di eventuali accompagnatori;
• classificazione dei luoghi e degli sport sulla base del numero di persone contemporaneamente presenti, sul tipo di attività fisica svolta in termini di spazio, sforzo fisico dell’atleta, specificità degli ambienti, durata della presenza, ventilazione;
• analisi del lay-out dei luoghi classificati e degli sport;
• individuazione del personale che opera all’esterno del sito, analisi dei percorsi e contatti con altre persone;
• verifica della presenza di lavoratori e/o operatori sportivi presso altri siti sportivi;
• analisi del mezzo di trasporto se organizzati o predisposti dagli enti di riferimento, e analisi dei rischi secondari;
• cronoprogramma e revisione dei piani e delle procedure di emergenza. Il datore di lavoro/gestore del sito sportivo/rappresentante dell’organizzazione sportiva, in base alla propria organizzazione delle attività fisiche e sportive, dovrà individuare in via prioritaria attività in presenza:
• su unico turno di attività/espletamento;
• su più turni di attività/espletamento;
• con accesso vincolato di operatori sportivi e/o accompagnatori;
• con modalità di svolgimento particolari. Per le attività che devono essere eseguite nel sito sportivo, occorre:
• valutare la possibilità di riorganizzare le medesime con l’obiettivo di ridurre il numero di operatori sportivi (e/o accompagnatori) contemporaneamente presenti: valutare se è possibile riorganizzare le mansioni/attività in modo da ridurne il numero nel rispetto dei vincoli richiesti dalla specifica disciplina sportiva ovvero della tecnologia, degli strumenti e dei limiti di operatività, considerata la necessità di fare formazione nel brevissimo periodo;
• suddividere gli operatori sportivi (e/o accompagnatori), necessari in presenza a valle della possibile riorganizzazione, in gruppi che svolgono la medesima attività/mansione e nei medesimi luoghi;
• determinare più dettagliatamente il rischio per area e la possibile dimensione degli spostamenti;
• organizzare un sistema di sanificazione dei locali e costante pulizia degli stessi.

Rispetto a ciascun operatore sportivo, dovranno essere valutati i percorsi più usuali nelle medesime fasce orarie con particolare riferimento a: ingresso al sito sportivo; accesso ai locali/spazi di pratica sportiva; accesso alle aree comuni e agli altri luoghi; accesso ai servizi igienici. Fondamentale dovrà essere, nei settori di specifica competenza, assicurare la massima informazione dei lavoratori e di tutti gli operatori dei siti sportivi dei contenuti del presente documento e della predisposizione di tutti gli elementi necessari per assicurare il rispetto delle presenti disposizioni e la tutela della salute pubblica. In particolare sul punto della sorveglianza sanitaria occorre prestare molta attenzione per le responsabilità che ne derivano in capo al datore di lavoro. A tale scopo, per i settori per i quali ciò sia possibile, e limitatamente ai comparti dei lavoratori per i quali le OO.SS. di categoria hanno sottoscritto un CCNL per il settore sportivo, o definito specifici protocolli², si auspica nel corso dell'attuazione delle presenti Linee-Guida un confronto e forme di collaborazione da parte di tali organismi e di quelli che più in generale rappresentano gli operatori sportivi, con l’obiettivo comune di far riprendere prima possibile anche il lavoro sportivo nel massimo rispetto delle attuali disposizioni per il contenimento dell’epidemia.

7. MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE
Le misure di prevenzione e protezione sono finalizzate alla gestione del rischio di contagio all’interno del sito sportivo. Esse devono essere adottate sulla base delle specificità emerse dalla fase di analisi del rischio, avendo ben presente che le misure di prevenzione e protezione non vanno intese come tra loro alternative ma quali dotazioni minime ai fini del contagio in relazione alla attuale situazione epidemiologica in atto. Ogni organizzazione sportiva deve procedere alla valutazione del rischio del proprio sito sulla base dei criteri indicati nel precedente paragrafo 6 e definire le necessarie misure di prevenzione e protezione finalizzate alla gestione del rischio sulla base di un’accurata analisi delle specificità delle attività che vi si svolgono e di una classificazione dei luoghi (transito, sosta breve, sosta prolungata, potenziali assembramenti). Si fa riferimento alle misure organizzative, procedurali e tecniche di cui al documento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ufficio per lo Sport, prot. n. 3180 del 3 maggio 2020, denominato “Linee Guida ai sensi dell’art. 1, lettere f e g del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 26 aprile 2020. Modalità di svolgimento degli allenamenti per gli sport individuali”:
• modalità della prestazione di lavoro all’interno del sito sportivo;
• distanziamento nelle varie fasi dell’attività sportiva;
• gestione entrata/uscita degli operatori sportivi e di altri soggetti nei siti
sportivi;
• revisione lay-out e percorsi;
• gestione dei casi sintomatici;
• pratiche di igiene (infra);
• prioritarizzazione del rientro degli operatori sportivi nei siti sportivi e di
accesso di persone terze;
• sistema dei trasporti;
• utilizzo dei dispositivi di prevenzione del contagio (mascherine
chirurgiche, guanti monouso in diversi materiali plastici sintetici);
• pulizia e sanificazione luoghi e attrezzature nei siti sportivi.

Si renderà necessario adottare specifiche misure funzionali propedeutiche
all’apertura del sito sportivo (sanificazione, formazione a distanza del
personale, realizzazione di segnaletica nel centro di entrata e uscita ben
evidenziati, preparazione dei locali con percorsi differenziati, etc.) e a una
completa informazione per tutti coloro che intendono accedere a qualsiasi
titolo al sito sportivo (anche attraverso comunicazioni di posta elettronica o
altri mezzi tecnologici), nonché predisporre piani di evacuazione che evitino
aggregazione in caso di necessità o urgenza di lasciare i siti o loro parti (ad
esempio, campi da gioco, siano essi indoor che outdoor).

8. IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE
Per il rischio di trasmissione del contagio da SARS-CoV-2, in un'ottica di
approccio integrato alla valutazione e gestione del rischio connesso
all'attuale emergenza pandemica, il ruolo del medico competente,
disciplinato dal D.lgs. n. 81/2008, è stato evidenziato dal Ministero della Salute
con la circolare 00145 del 29 aprile 2020 (“Indicazioni operative relative
all'attività del medico competente nel contesto delle misure per il contrasto
e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2 negli ambienti di
lavoro e nella collettività”).
La “sorveglianza sanitaria” (art. 2, comma 1, lett. m), del D.lgs. n. 81/2008) è
definita come “insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato e
sicurezza dei lavoratori, in relazione all'ambiente di lavoro, ai fattori di rischio
professionali e alle modalità di svolgimento dell'attività lavorativa”.
Nel contesto generale di riavvio dell'attività sportiva in fase pandemica, è
opportuno che il medico competente, ove nominato - il quale ha tra i suoi
obblighi quello di collaborare con il datore di lavoro e con il servizio di
prevenzione e protezione alla valutazione dei rischi, alla predisposizione della
attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica
dei lavoratori (art. 25 D.lgs. n. 81/2008) - supporti il datore di lavoro/gestore del
sito sportivo/rappresentante dell’organizzazione sportiva nella attuazione
delle misure di prevenzione e protezione previste dalle presenti Linee Guida e
dai Protocolli applicativi di riferimento.
E' fondamentale quindi che le diverse tipologie di misure di contenimento
del rischio siano il più possibile contestualizzate alle differenti discipline
sportive ed alle singole organizzazioni sportive.
Un particolare coinvolgimento del medico competente deve essere previsto
nell'attività di collaborazione all'informazione/formazione dei lavoratori sul
rischio di contagio da SARS-CoV-2 e sulle precauzioni messe in atto
dall'organizzazione sportiva, nonché tenendo aggiornato nel tempo il datore
di lavoro/gestore del sito sportivo/rappresentante dell’organizzazione sportiva
(ad es. in riferimento a strumenti informativi e comunicativi predisposti dalle
principali fonti istituzionali di riferimento).
Tra i più importanti aspetti legati all'informazione, fatti salvi quelli legati allo
specifico contesto della disciplina sportiva di riferimento, il lavoratore deve
essere informato circa:
• l'obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di febbre (oltre
37,5°) o altri sintomi influenzali (tosse, difficoltà respiratorie)
mettendone al corrente il proprio medico di medicina generale e il
medico sociale;
• l'obbligo di comunicare eventuali contatti con persone positive al virus
avuti nei 14 giorni precedenti, rimanendo al proprio domicilio secondo
le disposizioni dell'autorità sanitaria;
• l'obbligo di avvisare tempestivamente e responsabilmente il datore di
lavoro/gestore del sito sportivo/rappresentante dell’organizzazione
sportiva dell'insorgere di qualsiasi sintomo influenzale,
successivamente all'ingresso nel sito sportivo durante l'espletamento
della prestazione, avendo cura di rimanere ad adeguata distanza dalle
persone presenti;
• l'adozione delle misure cautelative per accedere nel sito sportivo e, in
particolare, durante l'espletamento della prestazione:
• mantenere la distanza di sicurezza;
• rispettare il divieto di assembramento;
• osservare le regole di igiene delle mani;
• utilizzare adeguati Dispositivi di Protezione Individuale (DPI).

Nello specifico il medico competente è chiamato a supportare il datore di
lavoro/gestore del sito sportivo/rappresentante dell’organizzazione sportiva
nella valutazione del rischio e ad operare la sorveglianza sanitaria in un
contesto peculiare quale quello della ripresa dell'attività fisica e sportiva in
periodo pandemico.
L'art. 28 del D.lgs. n. 81/2008 fornisce una chiara definizione della valutazione
dei rischi, che “deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei
lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi
particolari”.
L'atto finale della valutazione del rischio è il DVR (Documento di Valutazione
del Rischio), obbligo in capo al datore di lavoro/gestore del sito
sportivo/rappresentante dell’organizzazione sportiva. Sarà necessario
adottare una serie di azioni che andranno ad integrare il DVR, atte a prevenire
il rischio di infezione da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro contribuendo, altresì,
alla prevenzione della diffusione dell'epidemia.

9. PRATICHE DI IGIENE
All’interno del sito dovrà essere garantita la possibilità di effettuare le
seguenti pratiche igieniche:
• lavarsi frequentemente le mani, anche attraverso appositi dispenser di
gel disinfettanti;
• mantenere la distanza interpersonale minima di 1 metro,
preferibilmente 2, in caso di attività metabolica a riposo. Ad esempio
per gli utenti in caso di attesa, riposo e inoltre per tutti gli operatori
sportivi;
• mantenere la distanza interpersonale minima adeguata all’atto
motorio, al carico metabolico e alle altre misure di mitigazione
disponibili;
• non toccarsi mai occhi, naso e bocca con le mani;
• starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con
le secrezioni respiratorie; se non si ha a disposizione un fazzoletto,
starnutire nella piega interna del gomito;
• evitare di lasciare in luoghi condivisi con altri gli indumenti indossati
per l’attività fisica, ma riporli in zaini o borse personali e, una volta
rientrato a casa, lavarli separatamente dagli altri indumenti;
• bere sempre da bicchieri monouso o bottiglie personalizzate;
• gettare subito in appositi contenitori i fazzolettini di carta o altri
materiali usati (ben sigillati).

Ai fini della attuazione delle buone pratiche igieniche dovranno essere messi
a disposizione:
• procedure informative affisse nel sito sportivo, nelle zone di accesso, nei
luoghi comuni, nelle zone di attività sportiva, nonché negli spogliatoi e
nei servizi igienici;
• gel igienizzante;
• sistema di raccolta dedicato ai rifiuti potenzialmente infetti (es.
fazzoletti monouso, mascherine/respiratori);
• indicazioni sulle corrette modalità e tempi di aerazione dei locali;
• specifiche attività di filtrazione dell’aria nei locali chiusi ad alta densità
di persone o di attività, ad esempio tramite purificatori di aria dotati di
filtri HEPA destinati a diminuire la quantità di aerosol;
• sanitizzazione ad ogni cambio turno;
• vietare lo scambio tra operatori sportivi e personale comunque
presente nel sito sportivo di dispositivi (smartphone, tablet, ecc.) e di
attrezzi sportivi; in alternativa, prevedere adeguate sanitizzazioni.
In aggiunta, coloro che praticano l’attività, hanno l’obbligo:
• di disinfettare i propri effetti personali e di non condividerli (borracce,
fazzoletti, attrezzi, ecc..);
• di arrivare nel sito già vestiti adeguatamente alla attività che andrà a
svolgersi o in modo tale da utilizzare spazi comuni per cambiarsi e
muniti di buste sigillanti per la raccolta di rifiuti potenzialmente infetti;
• di non toccare oggetti e segnaletica fissa.

10. MODALITA’ DI ATTUAZIONE DELLE MISURE
A seguito dell’emanazione del presente documento sarà compito e
responsabilità dei singoli enti riconosciuti dal CONI e/o dal CIP (Federazioni
Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate, Enti di promozione sportiva,
Federazioni Sportive Paralimpiche, Discipline Sportive Paralimpiche, Enti di
promozione sportiva paralimpica) emanare appositi protocolli applicativi di
dettaglio - o, se del caso, integrare quelli già adottati – i quali, oltre alle
indicazioni del presente documento, dovranno tenere conto delle specificità
delle singole discipline e delle indicazioni tecnico-organizzative al fine di
garantire il rispetto delle misure di sicurezza da parte dei soggetti che
gestiscono impianti sportivi e che rientrano nella propria rispettiva
competenza.
Le presenti Linee-Guida si applicano anche a qualunque altra organizzazione,
ente o associazione che si occupi di esercizio fisico e benessere dell’individuo.