Per il suo funzionamento ottimale questo sito utilizza i cookies. Procedendo nella navigazione se ne accetta implicitamente l'utilizzo (Maggiori informazioni). Accetto
22 giugno 2017

Novità normative per il Terzo settore

ENDAS ha dato il sostegno ad un documento unitario nazionale che manifesta le preoccupazione per il nuovo Codice del Terzo Settore per il rischio di essere tagliati fuori dal perimetro delle associazioni di promozione sociale.

Gli enti di promozione sociale protestano per i decreti attuativi della Riforma del Terzo Settore. I decreti attuativi della riforma del Terzo Settore stanno creando malcontento nel mondo dello sport legato al sociale. In particolare, è l'articolo 35 del decreto legislativo che norma il nuovo Codice del Terzo Settore a motivare la protesta degli enti di promozione sportiva. Il testo attuale, se interpretato alla lettera, potrebbe escludere questi soggetti dalle associazioni di promozione sociale.

L'ultimo censimento Istat, risalente al 31 dicembre 2011, riportava il numero di 92.838 (pari al 30,8% delle istituzioni italiane e al 47,4% delle istituzioni attive nel settore della Cultura, sport e ricreazione) con riferimento alle istituzioni no profit che svolgevano in via prevalente attività sportive. Mentre le istituzioni che svolgevano attività sportive come area di intervento secondaria erano 21.449 (pari al 7,7% del totale nazionale), per un totale di 114.287 unità.
Da questi numeri è facile evincere il grande valore dello sport di cittadinanza come elemento costitutivo della promozione sociale.
L'associazionismo sportivo affonda le proprie radici nel mutualismo tardo ottocentesco che ha sviluppato forme di solidarietà, coesione e responsabilità sociale. Le organizzazioni internazionali, dall'Onu all'Oms, riconoscono lo sport come strumento per promuovere educazione, salute, sviluppo e pace.

Il Presidente della Repubblica, all'incontro con i rappresentanti del mondo dello sport di qualche giorno fa, ha parlato delle società sportive di periferia come di una galassia che arricchisce di valori la vita comune, indicando lo sport come una efficace leva sociale, culturale, educativa ed economica, come educazione alla cittadinanza. Stessi principi sono stati ribaditi dal Ministro allo Sport Luca Lotti presente in quell'occasione.
Tutto questo rischia di essere svuotato di sostanza per effetto del Decreto Legislativo relativo al Codice del Terzo settore. L'articolo 35 infatti, al comma 3, prevede che "gli atti costitutivi delle associazioni di promozione sociale possono prevedere l'ammissione come associati di altri enti del Terzo Settore, a condizione che il loro numero non sia superiore al trenta per cento del numero delle associazioni di promozione sociale".
Dall'interpretazione letterale del testo si deduce che gli Enti di promozione sportiva non possano più beneficiare della qualifica di associazioni di promozione sociale potendo avere tra i propri affiliati soggetti che non trovano motivo per iscriversi nel Registro Unico del Terzo Settore.

Negli anni la progettazione sociale ha visto il protagonismo degli Enti di Promozione sportiva che sono intervenuti negli ambiti dell'educazione, della promozione della salute, dell'inclusione sociale, della mediazione interculturale, della rigenerazione delle periferie. Attività che verrebbero sacrificate per effetto della norma.

ENDAS - Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale
ENDAS - Ente Nazionale di Azione Sociale
ENDAS - Ente Nazionale di Azione Sociale