Per il suo funzionamento ottimale questo sito utilizza i cookies. Procedendo nella navigazione se ne accetta implicitamente l'utilizzo (Maggiori informazioni). Accetto
8 maggio 2018

Riforma sport 2018

Una riunione informale ha preceduto la direzione nazione del CONI, alla presenza dei membri della commissione finanze, per chiarire alcune novità della riforma dello sport 2018.

Parola d’ordine per i presidenti delle asd è di stare tranquilli!!
Fino al momento in cui il CONI non determinerà l’identificazione delle prestazioni sportive dilettantistiche quali collaborazioni coordinate e continuative soggette quindi soggette ai nuovi adempimenti amministrativi(comunicazione ufficio provinciale del lavoro - cedolini mensili ecc.) tutto rimarrà invariato, ovvero nessun adempimento fino ai 10.000 euro. Rimangono obbligatorie tuttavia, l’iscrizione al registro coni dell’associazione e il tesseramento di chi percepisce il compenso sportivo.
Per quanto riguarda le SDDL (società sportive dilettantistiche lucrative)novità concrete ci saranno dopo la giunta e direzione nazionale del CONI che si terrà il 10 luglio 2018.
Il Presidente Malagò ha quindi parlato dei rapporti tra Enti di Promozione, Federazioni e Discipline Associate, compiacendosi del clima maggiormente distensivo tra gli organismi: "Si sta portando avanti un ragionamento che prevede l’istituzione, all’interno del Collegio di Garanzia, di una sezione cui demandare l’onere di risolvere i contenziosi tra le diverse realtà, in base a parametri e a elementi oggettivi, con un giudizio arbitrale di natura inappellabile." 
#endas #endasnews #fisco #contratti #sportivi #ssdl #riforma #sport
http://www.coni.it/it/news/primo-piano/14912-comunicato-del-consiglio-nazionale-11.html